Chi sono blognewsletter contattami
Chi sono blognewslettercontattami


Coaching e indagine interiore

Laura Citterio
Executive coach

Nell’ultimo articolo del blog, ho parlato delle due dimensioni della cura di sé: la dimensione corporea e la dimensione dell’anima. Secondo Socrate, prendersi cura di sé voleva dire prendersi cura della propria anima, ossia conoscere sé stessi.

Per un viaggio introspettivo ci sono più possibilità. L’approccio filosofico aiuta sicuramente nell’indagine. Come recita Lezioni di Meraviglia, “il filosofo è un navigatore […] e navigare implica sempre la disposizione ad abbandonare la terraferma. Se vuoi scoprire nuove terre e decidi di imbarcarti, a un certo punto accadrà questo: sarai sul mare e saprei di avere alle spalle la tua terra, ancora a portata di sguardo e davanti a te qualcosa di nuovo e pericoloso.”  Quello che accade nella realtà è che non tutti hanno l’istinto del navigante, pochi sono quelli che si sentono avventurieri e vogliono diventare capitani della nave. Il più delle volte preferiscono la terraferma. Solo una mano tesa dall’imbarcazione che promette di sostenerti quando lo sciabordio delle onde diventa spaventoso, uno sguardo che aiuta a vedere in mezzo alla nebbia e una bussola per mantenere la rotta possono aiutare a saltare dal molo e iniziare il viaggio. 

Quella mano, quegli occhi e quella bussola possono essere quelli del coach che diventa lo specchio attraverso il quale il coachee può vedere cosa si nasconde dietro i suoi pensieri incagliati, le emozioni arenate e le azioni che riportano continuamente al punto di partenza.

Il coach, quanto meno la figura professionale a cui faccio riferimento io, non è un motivatore alla Tony Robbins (e lo dico senza giudizion alcuno), non è l’incitatore di folle applaudenti e saltellanti che ti urla “yes, you can!”. Come definisce ICF, il coaching è una partnership tra il coach e il partner (chiamato anche cochee, ossia il cliente) che avviene all'interno di un processo creativo e stimolante.

Scopri se sei pronta ad iniziare un percorso di coaching facendo il test che trovi qui.

Il coach ascolta, indaga e restituisce

Il coach indaga comportamenti e pensieri attraverso quelle domande che il partner (o coachee) non è in grado di porsi in autonomia quando è bloccato nella propria storia; quando il viaggio che sta compiendo ha un arresto forzato, quando la strada è troppo annebbiata per andare avanti. 

Uno dei tutor del master di II livello che ho seguito ci diceva sempre: quando una persona porta un tema sul “fare”, indagate l’”essere”. 

Come riporta Marcia Reynolds nel suo libro “Coach the person”, le competenze del coaching forniscono la struttura per favorire la scoperta di sé.

È sempre così? Ovviamente no. C’è coach e coach, come in tutte le professioni. C’è il ciarlatano che si spaccia per coach dopo aver frequentato un corso di 4 ore o quello che, dopo aver anche frequentato un corso rispettabilissimo, non ha capito come si esercita la professione, non si è mai più aggiornato, non conosce le competenze base del coaching… Come in tutte le professioni. Non ti è mai capitato di andare da un professionista del quale poi hai avuto dubbi sulla reale competenza? A me diverse volte!

Come scegliere un coach

La prima cosa che ti consiglio è di verificare che abbia frequentato una scuola riconosciuta dall’International Coach Federation (ICF), la principale (per età e dimensione) organizzazione internazionale di riferimento che garantisce gli standard di qualità delle scuole e dei coach. Meglio ancora se il coach è accreditato (ACC, PCC o MCC): vuol dire che ha già praticato un certo numero di ore, sostenuto un ulteriore esame presso ICF (oltre a quello che ha sostenuto presso la scuola), aderisce al Codice Etico e investe nella formazione continua e nella supervisione (requisiti necessari per conservare l’accreditamento). 

Last but not least, il coach ti deve piacere, deve esserci quell’alchimia che ti faccia sentire a tuo agio e disposta a fidarti. Se vuoi lasciarti condurre in un viaggio di esplorazione, devi volerti fidare di chi sta al comando.

Ascoltare le testimonianze di chi ha seguito un percorso e vedere come il coaching può cambiarti penso sia una dei modi migliori per farti capire la bellezza di questo strumento. Qui ti lascio alcune testimonianze riportati sul sito ICF Global mentre qui puoi leggere quelle dei miei clienti.


Se questa riflessione ti è piaciuta e sei curiosa di scoprire di più di me e del mio lavoro puoi iscriverti alla mia newsletter. Sarà l’occasione per iniziare insieme un dialogo più profondo e speciale. Ti aspetto!

[mailerlite_form form_id=3]
Vuoi saperne di piu'?

Ultimi aggiornamenti dal Blog

Vedi tutti gli articoli
Ciao, sono Laura

Executive Coach a Milano

Sono una Executive e Team Coach con un forte background in Economia e dinamiche d'impresa.

Mi occupo di Percorsi di Business Coaching Individuali per donne e imprenditrici che vogliono acquisire consapevolezza e di Business Coaching per Aziende che vogliono portare benessere e leadership etica nei luoghi di lavoro.

Vuoi conoscermi meglio?

conosciamoci
Cosa dicono di me

Leggi le mie Recensioni

  • Luisa B.

    Head of Dei Emeai – Oberrieden (CH)
    Essendo anche io una coach, conosco il valore del coaching e delle immense possibilità di esplorazione di noi stessi che ci offre. È pero' importante essere affiancat* da un* professionista competente che sia in grado di creare una atmosfera sicura in cui si può'
    esplorare insieme ma anche avere una guida per raggiungere gli obiettivi preposti.

    Laura e' una coach attenta e super in gamba. Con lei ho intrapreso il percorso Semente. Partendo dal mio NAP - Neuro Agility Profile- ho esplorato delle aree di me che ancora non avevo avuto il coraggio di affrontare o che per qualche motivo davo per scontate. Ho
    aumentato la consapevolezza di me stessa soprattutto nei momenti di pressione e ho identificato alternative che mi permettessero di superare quei momenti, proprio come quando nuotiamo e dobbiamo superare un’onda un po' più' grossa delle altre.

    La cosa per me più gratificante e che ne vedo i benefici sia nell'ambito professionale, dove mi trovo ad affrontare alcune situazioni in maniera più' consapevole, ma soprattutto in
    ambito personale dove ho capito che alcune reazioni o dinamiche erano legate ad aree apparentemente non connesse.

    Laura ha uno stile attento e garbato.
    Riesce a strappare un sorriso (e talvolta una lacrima) in ogni sessione ma sempre con una grandissima attenzione alla persona e al suo stato nel momento del coaching.
    Leggi di più
  • M.R.

    Brand Marketing Manager
    Ho iniziato un percorso di coaching con Laura perché pensavo ad un cambio di vita dovuto alla mia inquietudine professionale e non solo.

    Grazie a lei ho compreso da dove arrivavano le inquietudini e la necessità di lavorarci su un livello più profondo. Comprendermi di più mi ha permesso di migliorare la mia autostima. Mi è molto piaciuto l’approccio intimo ma anche concreto.
    Leggi di più
  • Francesca

    Farmacista | Catania
    Grazie a Laura sono riuscita a scavare di più in me stessa e a capire e modificare ciò che non mi permetteva di essere me stessa al 100%.

    Laura mi ha permesso di comprendere, passo dopo passo, facendomi ragionare e accompagnandomi nei miei ragionamenti e nelle mie percezioni ciò che mi portava disagio e che mi faceva “nascondere” perché non riuscivo ad affrontare la situazione di petto la disponibilità, il sorriso, la sua dolcezza e il suo modo di dire le cose con fermezza ma anche con leggerezza e soprattutto con il sorriso.

    Sempre lì pronta a comprendere e a indirizzarti nella strada giusta! Assolutamente un ottimo coach.

    Ho conosciuto Laura durante un periodo difficile un po’ per tutti. Per me, la quarantena dovuta al Covid, è stato un periodo non solo difficile ma anche molto impegnativo e stancante non solo dal punto di vista fisico e lavorativo ma soprattutto dal punto di vista emotivo. Durante la giornata tipo si susseguivano emozioni completamente differenti tra
    loro... paura, ansia, tenerezza e lucidità mentale continuavano a “ballare” dentro di me nella speranza di fare sempre la scelta giusta e il più rispettosa possibile sia nei miei confronti sia verso la comunità. Ci voleva polso, fermezza ma anche tanta tenerezza, immedesimazione e concretezza nei confronti di quei clienti/pazienti che si sono rivolti a me e che da una parte desideravano sostegno e aiuto ma dall’altro si sentivano quasi non
    compresi nel momento in cui cercavamo di fargli rispettare le regole.

    In tutto questo periodo così faticoso, Laura è stata un’ottima coach che con pazienza, dedizione, disponibilità e tanti sorrisi mi è stata accanto sopportandomi e supportandomi giorno dopo giorno.
    Leggi di più
crossmenu